lockdown

Laureato magistrale in Ingegneria della Sicurezza e Protezione Civile, laureato triennale in Ingegneria della Sicurezza. Ritengo la Safety la chiave di controllo per un lavoro più efficace ed efficiente, che sappia sfruttare al massimo le potenzialità dei lavoratori garantendo loro salute e sicurezza. Ad oggi la Safety sta acquistando sempre più importanza. Il mio obiettivo è quello di portarla tra i punti cardine delle aziende.

Oggi vogliamo approfondire una delle più dure e criticate misure restrittive di questo periodo: il lockdown.

La chiusura generalizzata di tutti i locali ritenuti non necessari alla gestione dell’emergenza non è un provvedimento inventato nel XXI secolo, ma sperimentata già nel 1918 durante l’epidemia di influenza spagnola.⠀
A Philadelphia, per festeggiare il termine della I Guerra Mondiale, venne organizzata una grande parata non curandosi dei numerosi soldati contagiati. Nel giro di una settimana tutti i 31 ospedali della città statunitense erano in sovraffollamento e si registravano già 4500 vittime.⠀

Poco lontano, nella città di St. Louis, appena identificati i primi casi di spagnola, le autorità sanitarie bloccarono la città, imponendo un severissimo isolamento. Chiese, biblioteche, ristoranti e locali pubblici vennero immediatamente chiusi, così come le carrozze per il trasporto pubblico, che vennero fermate.⠀

La strategia del lockdown funzionò: in totale la città di St. Louis registrò una mortalità tra la popolazione che era circa la metà rispetto a quella di Philadelphia, anche se l’epidemia durò più a lungo.⠀

In questo modo non si ebbe solo il dimezzamento delle vittime, ma si evitò anche il sovraccarico del sistema sanitario.⠀

Il lockdown potrà portare in tempi brevi al debellamento del virus

Purtroppo no. Secondo alcuni studi di un gruppo di epidemiologi dell’Università di Harvard (Stati Uniti), potrebbe essere necessario praticare il distanziamento sociale fino al 2022 per ridurre la diffusione del coronavirus. Questo nel caso in cui non si dovesse trovare un vaccino.⠀

Cosa possiamo aspettarci nel prossimo futuro? Non dobbiamo pensare che da un giorno all’altro passeremo a 0 contagi ed un immediato annullamento delle misure. Quello che potrà fare il Governo, con il consiglio del Comitato Tecnico Scientifico, sarà un lento allentamento delle disposizioni per farci abituare, almeno nei prossimi mesi, ad un nuovo stile di vita.

Di Christian Lattavo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *